Marsili Rosato Metodo Ancestrale IGT Terre Siciliane 2019 – Tenuta di Castellaro

23,00 €
Non Disponibile

Scheda prodotto

Scheda prodotto
Regione Sicilia
Formato 0,75 LT
Anno 2019
Gradazione 12,00%
Temperatura Servizio 10-12 gradi
Tempo Conservazione Fino a 15 anni
Vinificazione Vendemmia manuale e pressatura soffice, illimpidimento del mosto con chiarifica statica a freddo e successiva fermentazione in acciaio a temperature controllate, con messa in bottiglia prima del termine della fermentazione alcolica. Affinamento in bottiglia di almeno tre mesi.
Uvaggio 100% Pinot Nero
Abbinamento Molto versatile, adatto per un intero menù con pesce, carni bianche, verdure e formaggi freschi.
Solfiti Contiene solfiti
Sede cantina Via Caolino s.n.c. 98055 Lipari (ME)
Altre curiosità
Un vino fuori dagli schemi, frutto dell’infinita passione di Tenuta di Castellaro per la qualità, ed espressione del magico terroir eoliano. Marsili, che prende il nome dal vulcano sottomarino – il più grande d’Europa – appartenente all’arco insulare eoliano, nasce da uve Pinot Nero coltivate ad alberello a 500 metri di altitudine, in uno dei terrazzamenti più alti della tenuta. Coltivare Pinot Nero alle Eolie, su un suolo vulcanico, con il vento che sferza costantemente le vigne e le forti escursioni termiche giorno-notte, è stata una scelta assai audace, premiata con l’avvento di questo rosè sorprendente, rifermentato in bottiglia e perciò leggermente effervescente, fragrante di succo e scorza di agrumi, fiori freschi, erbe aromatiche e note minerali.
Descrizione produttore
Mare turchese, spiagge bianche, sole, vento, storia, natura, cultura: questa è Lipari, una delle sette meravigliose isole Eolie, e questo ritroviamo nei vini biologici e naturali di Tenuta Castellaro, bellissima cantina realizzata nel 2005 da Massimo Lentsch e Stefania Frattolillo, imprenditori bergamaschi che, innamorati dell’isola, hanno realizzato un progetto unico e ambizioso. A 350mt. sul livello del mare, affacciate su Alicudi, Filicudi e Salina, le vigne, coltivate secondo l’antichissimo sistema di coltivazione della vite ad alberello, crescono su terreni vulcanici ricchi di minerali, che conferiscono ai vini struttura e longevità. Inoltre in Sicilia, sul versante Nord dell’Etna, troviamo "Vigna Cosentino", dove nasce Etna DOC L'Ottava Isola, e "Vigna Gabelle", dedicata alle varietà Carricante e Minnella. La cantina è un monumento di architettura e tecnologia in armonia con il paesaggio e le tradizioni: lo testimoniano i camini solari e la torre del vento, antichi sistemi inventati dagli antichi persiani, il primo per catturare e diffondere la luce solare, il secondo per mantenere costanti umidità e temperatura e creare il clima ideale all’affinamento dei vini.