Iscritto dal 2004 nel Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco, il territorio montalcinese propone un paesaggio di grande bellezza, fatto di boschi, vigneti, oliveti, campi coltivati, e antichi edifici in pietra, che raccontano la storica coltivazione di queste terre. Qui nell’Ottocento alcuni vignaioli sperimentarono la produzione di un vino rosso con uve locali dette Brunello o Brunellino, identificate poi come una varietà del Sangiovese: uve pregiate, in grado di dar vita a vini da lunghissimo invecchiamento, e quindi di grandissimo prestigio. Gaja, Biondi Santi, Antinori, Pietroso, Caprili, Ciacci Piccolomini d'Aragona, Il Valentiano, Armilla: winedoor.it ti propone una rosa di Brunello davvero ampia: alcuni famosi, altri che ti invitiamo a conoscere, a degustare e, siamo sicuri, ad amare!

Articoli 1-24 di 170