Aglianico del Vulture DOC Calice – Donato D'Angelo

11,00 €
Il prodotto è disponibile per un ordine pari o superiore a 6 pezzi.
Disponibile e spedito a casa tua in 24-48 ore

Scheda prodotto

Scheda prodotto
Regione Basilicata
Formato 0,75 LT
Anno annata corrente
Gradazione 13,50%
Temperatura Servizio 16-18 gradi
Tempo Conservazione Fino a 15 anni
Vinificazione Uve vendemmiate nella seconda metà di ottobre. La fermentazione alcolica avviene in fermentini di cemento. Dopo la svinatura e un periodo di maturazione, il vino riposa nelle botti di legno per almeno 18 mesi.
Uvaggio 100% Aglianico
Abbinamento Si accosta bene a selvaggina di ogni tipo.
Solfiti Contiene solfiti
Sede cantina Via Padre Pio, 10, 85028 Rionero In Vulture PZ
Altre curiosità
Ripacandida e Maschito sono i due piccoli comuni lucani che accolgono i vigneti da cui nasce questo straordinario aglianico. Le viti godono di terreni di medio impasto vulcanico e si trovano a un’altitudine di circa cinquecento metri sul livello del mare. Il vino si presenta di colore rosso rubino, che con tempo tenderà al granato: l'evoluzione in botte infatti, oltre ad esaltare le caratteristiche tipiche del vitigno, permette all'Aglianico del Vulture Calice di invecchiare molto bene. Pur essendo già da giovane equilibrato ed armonioso, questo rosso promette emozioni sempre più grandi a chi avrà la pazienza di aspettare!
Descrizione produttore
L'azienda prende il nome dal fondatore, che nel 2001, dopo oltre quarant'anni di esperienza nel settore, decise di avviarla insieme a sua moglie Filomena Ruppi. Si estende per circa 20 ettari di vigneti dislocati nella zona più classica di coltivazione dell'Aglianico del Vulture. Con circa 150 mila bottiglie l'anno questa azienda ha l' obiettivo di portare nelle tavole italiane, e non solo, un prodotto di altissima qualità, ottenuto con attenzioni meticolose durante tutte le fasi di produzione- “Il nostro obiettivo è quello di essere costanti nella qualità e a dimostrazione di ciò, siamo anche disposti a sacrificare le annate mediocri nel senso che se un'annata non è molto convincente dal punto di vista qualitativo, non la mettiamo in bottiglia” Parola di Filomena!