ORDINI E ASSISTENZA
+39 379 1190202
Carrello0Item(s)

Non hai articoli nel carrello.

Product was successfully added to your shopping cart.
Precedente

Friulano Collio DOC 2018 - Pighin

Sauvignon Collio DOC 2018 - Pighin

Pighin

Disponibilità: Disponibile a casa tua in 2 gg lavorativi. Spedizione GRATIS per ordini superiori a 89€.

12,50 €

Breve descrizione

Il Sauvignon Blanc è uni dei vini bianchi più apprezzati e consumati in tutto il mondo.
La versione Friulana del Collio di Pighin è incentrata tutta sull’equilibrio, non si vogliono ottenere infatti profumi straordinariamente esplosivi, ma equilibrati con quella che è la trama del vino, e questo per avere una piacevolezza di beva massima.
Lo si può abbinare magnificamente a piatti arricchiti con erbe aromatiche o a frittate con asparagi.
Da servire alla temperatura di circa 12 gradi, stappando la bottiglia al momento.

Disponibilità: Disponibile a casa tua in 2 gg lavorativi. Spedizione GRATIS per ordini superiori a 89€.

12,50 €

Ulteriori informazioni

Regione Friuli
Formato 0,75 LT
Anno 2018
Gradazione 13,50%
Temperatura Servizio 10-12 gradi
Tempo Conservazione Fino a 8 anni
Vinificazione Vinificazione in acciaio a temperatura controllata a 12 °C, stabilizzazione a freddo prima dell'imbottigliamento.
Uvaggio 100% Sauvignon Blanc
Premi
Abbinamento Piatti arricchiti di erbe aromatiche, uova con asparagi.
  1. Recensisci per primo questo prodotto

Scrivi la tua recensione

Come consideri questo prodotto? *

  1 stella 2 stelle 3 stelle 4 stelle 5 stelle
Quality
Value
Price
Pighin è una delle più importanti realtà produttive del Friuli Venezia Giulia. L’azienda è composta da due tenute, una a Risano, nella zona DOC Grave e l’altra a Capriva nel Collio Goriziano. Tutte le bottiglie di Pighin portano in etichetta il Gallo, simbolo della terra e del legame ad essa della Famiglia. C’è una data molto importante e recente che ha segnato l’Azienda Pighin: Il 23 Luglio 2010, quando si abbattè sull’azienda una violenta tromba d’aria che mise in ginocchio la cantina, provocando ingenti danni e distruggendo 80 ettari di vigneti (più della metà del totale). Grazie alla ferrea volontà friulana e a tanta tenacia, nell’arco di una decina di giorni gran parte del’azienda è stata rimessa in grado di operare. I titolari durante un’intervista dissero che è stato come rivivere una seconda volta!

Spesso comprati insieme