ORDINI E ASSISTENZA
+39 379 1190202
Carrello0Item(s)

Non hai articoli nel carrello.

Product was successfully added to your shopping cart.
Precedente

Valpolicella DOC La Corte del Pozzo 2018 - Fasoli Gino

Precedente

Bardolino DOC La Corte del Pozzo 2019 - Fasoli Gino

Cabernet Sauvignon IGT La Corte del Pozzo 2018 - Fasoli Gino

Fasoli Gino

Disponibilità: Non disponibile

9,50 €

Breve descrizione

Le uve Cabernet Sauvignon provengono dai vigneti posti sulle colline della Val d’Illasi, dove i terreni sono prevalentemente calcarei, uve che l’azienda Fasoli Gino coltiva secondo la pratica dell’agricoltura biologica nel rispetto dell’ambiente, del prodotto e del consumatore.
Parliamo di un rosso ben strutturato, equilibrato, asciutto e gradevolmente tannico, dai tipici profumi vegetali che ricordano il sottobosco, da godere sia con elaborati piatti di selvaggina che con una semplice e saporitissima grigliata di carne.

Disponibilità: Non disponibile

9,50 €

Ulteriori informazioni

Regione Veneto
Formato 0,75 LT
Anno 2018
Gradazione 13,50%
Temperatura Servizio 16-18 gradi
Tempo Conservazione Fino a 8 anni
Vinificazione Uve vendemmiate a perfetta maturazione a partire da metà settembre, con selezione manuale dei migliori grappoli. Diraspatura e pigiatura soffice, macerazione in acciaio per 8-10 giorni, con frequenti rimontaggi per estrarre il massimo di profumi e tannini. Dopo la svinatura il vino matura per otto mesi in botti di rovere.
Uvaggio 100% Cabernet Sauvignon
Premi
Abbinamento Selvaggina come cinghiale, capriolo, fagiano, carne alla griglia, formaggi saporiti e stagionati,
  1. Recensisci per primo questo prodotto

Scrivi la tua recensione

Come consideri questo prodotto? *

  1 stella 2 stelle 3 stelle 4 stelle 5 stelle
Quality
Value
Price
Molta strada è stata fatta dal 1921, quando Amadio Fasoli, viticoltore in Val d’Illasi, consegnava le damigiane del suo vino nelle migliori osterie della zona “a bordo” del suo carro con cavallo. Un percorso lungo quattro generazioni, fatto di scelte coraggiose e prestigiosi traguardi: il figlio di Amodio, Gino, ha dato il nome all’azienda, aumentato gli ettari vitati e diffuso i propri vini in tutto il veronese. Dopo di lui sono arrivate la terza e la quarta generazione, oggi rappresentata dai fratelli Matteo e Giordano, i quali hanno adottato già a inizio anni ‘80 la coraggiosa scelta dell’agricoltura biologica e, più recentemente quella del metodo biodinamico, recuperando gli antichi saperi di quei contadini che lavoravano la terra in armonia con i ritmi della natura. I fratelli Fasoli, che si definiscono “contadini nell’anima", coniugano da sempre le tradizioni passate con le moderne tecnologie, per offrire vini di rara qualità ed eccellenza, vini che rispettano e difendono il consumatore, la natura e l’ambiente.

Spesso comprati insieme